Vesuvio in testa anche ad Ascoli

Dalla 58° Coppa Paolino Teodori arrivano per il sodalizio partenopeo i successi di Loffredo e Vassallo oltre a tanti buoni piazzamenti di classe

Weekend agro dolce per la Scuderia Vesuvio impegnata nel fine settimana ad Ascoli per il sesto round del Campionato Italiano Velocità Montagna. La soddisfazione  per gli ottimi risultati ottenuti grazie alle vittorie dei salernitani  Giovanni Loffredo e Antonio Vassallo ha in parte attenuato il dispiacere  per la mancata partecipazione alla gara di Giuseppe Vacca attuale protagonista di vertice della serie Tricolore.

Continua la cavalcata trionfale del pilota Re D’Italia, Giovanni Loffredo che ha ottenuto il sesto successo consecutivo con la MINI JCW Turbodiesel in classe RSD2.0 salendo sul terzo gradino del podio virtuale di Gruppo RS, preceduto dalle due MINI 1.6 ad alimentazione tradizionale risultate imprendibili.

Antonio Vassallo  (nella foto) a sua volta, al culmine di una sfida esaltante vissuta sul filo dei centesimi, si è imposto con la Renault Clio  nell’affollata classe Rs 2000, evidenziando la sua  costanza di rendimento giungendo al traguardo con tempi praticamente identici nelle due manche che gli hanno permesso di centrare il bersaglio.

La 58° Coppa Teodori non era però cominciata nel migliore dei modi per i colori partenopei a causa dell’ imprevisto stop a cui era andato incontro nella giornata di sabato Giuseppe Vacca, giunto sul pianoro di colle San Marco con ben altre prospettive. Il giovane sassarese, pronto a difendere la leadership in classe 2000, preceduto nel primo turno di prove solo da avversari “monstre” si è dovuto arrendere al principio di incendio che ha devastato la sua Osella Pa 20 nel corso della  seconda ricognizione. A malincuore è arrivato il commento sui social del bravo pilota che personalmente ha spento le fiamme, ringraziando chi lo ha aiutato e sostenuto ha promesso di tornare in gara al più presto  più forte di prima.

Per quanto riguarda gli altri “ vesuviani”, risultati abbastanza convincenti sono arrivati dalle tante Sport Car in gara.

Eccellente la prova  del veterano Piero Nappi che ha arpionato la top ten confermando i miglioramenti fatti rispetto alle prime uscite sulla sua potente Osella PA 30 Judd.

Ottima la prestazione con il “millino”(Osella)  per il giovanissimo Michele Carbone, che è risultato secondo assoluto fra gli under 25 suscitando subito notevoli consensi.

Infine, ha sfiorato il secondo posto di classe Giuseppe Eldino con la Peugeot 106 S16, giungendo a soli 5 centesimi da quello che poteva verosimilmente considerarsi il massimo risultato al  rientro nella E1 ITALIA 1600.

Nelle altre gare del weekend non sono mancati i successi per la Scuderia Vesuvio.

A Gambarie, sfumata l’attesa vittoria per Francesco Ferragina, che  purtroppo ha piegato la sospensione posteriore della sua Elia Avrio ST 09 Evo 18, è stato Vittorio Grandinetti a gioire primeggiando fra le vetture di produzione con l’Alfa 33 .

Allo Slalom dei Trulli, disputato a Fasano, bravissimi Gennaro Fasano in S3 e Alessio Vespoli in Rs plus 1,6, rispettivamente su Fiat 127 e Peugeot 106, hanno colto il massimo risultato.