Consiglio Federale FPI – abbattimento costi tesseramento Pugili agonistici

Il Consiglio federale abbatte i costi per i tesseramenti.
Per il movimento pugilistico nazionale dovrà essere un 2020 da incorniciare sia in termini di attività che di risultati.

Questo è l’auspicio di tutti gli amici ed i sostenitori del pugilato italiano. 
Intanto il Presidente Lai ed il Consiglio federale continuano a lavorare incessantemente per mettere in condizione le società di essere le protagoniste principali del movimento pugilistico e dei suoi successi.
In quest’ottica, il Consiglio federale ha deciso di operare un forte abbattimento dei costi inerenti il tesseramento dei pugili agonisti aob. In particolare, il tesseramento delle qualifiche schoolboys, schoolgirl, junior e youth è stato fissato a soli 10 euro, con una compressione complessiva dei costi di oltre il 50%. 
L’iniziativa comporterà un mancato introito di oltre 50.000,00 euro che il Consiglio ha considerato un investimento per favorire l’aumento del numero di giovani tesserati e l’agognata ricerca del talento. 
Inoltre, raccogliendo le istanze delle società, la Federazione ha stabilito che al primo tesseramento dei pugili appartenenti al settore giovanile ed amatoriale, fatto nel mese di settembre 2020, i costi dei tesseramenti saranno ridotti di ben il 50%, passando a 5 euro per i giovani e 2,50 euro per gli amatori.

Tra i provvedimenti adottati si segnalano altresì:

1) approvazione della convenzione con la Società Sport e Salute per le visite mediche effettuate all’Istituto di Medicina dello Sport del Coni. La convenzione garantisce un abbattimento dei costi e la possibilità di effettuare in un’unica seduta tutte le visite specialistiche richieste per l’idoneità all’attività agonistica;

2) approvati, in via definitiva, i criteri per la redazione della classifica generale delle società Organizzatrici Pro che, in relazione all’attività 2019, riceveranno dei contributi, pari ad un budget complessivo di euro 100.000,00, da ripartire tra le stesse società, ricavati dagli sponsor;

3) deliberato un contributo alle società Pro per gli eventi di livello, organizzati nel 2019;

4) deliberata la possibilità di rivedere ovvero modificare il verdetto nei casi in cui lo stesso non sia conforme all’andamento del match. Questa possibilità dovrà essere applicata per i maggiori eventi pugilistici Aob (Campionati italiani), già dal 2020. In tal senso, il Consiglio federale ha delegato le competenti commissioni a trovare le giuste modalità per intervenire a correggere i verdetti ritenuti non consoni all’andamento del match;

5) deliberato il conferimento di particolari onorificenze a maestri che abbiano conseguito significativi risultati sportivi. Ció per premiare quei tesserati che si siano particolarmente distinti nel corso della loro carriera;

Il Vice Presidente Vicario 
Dott. Flavio D’Ambrosi