Serie B: Ternana – Avellino 4-1

E’ stata la giornata della Ternana, che è andata oltre il rotondo punteggio di 4 a 1 con cui ha superato meritatamente l’Avellino disputando una partita “gagliarda” sciorinando un gioco offensivo raramente visto quest’anno, capace di mettere in ginocchio la formazione biancoverde fin dai primi minuti dell’intero incontro.

Protagonista il gruppo e alcune individualità, tra gli altri Falletti ed Avenatti in attacco, Meccariello in difesa, autori di giocate degne di ben altri obiettivi.

Ancora segnali di vita per le “fere” quattro punti sotto la zona play out.

“Abbiamo dimostrato di essere ancora vivi e, preparato bene la partita, c’è stata la giusta intensità di un gruppo, che evidentemente ha delle qualità sul piano individuale – commenta il terzino della Ternana Andrea Rossi – ogni partita fa storia a se, tanto da guardare ormai avanti rispetto alla gara di Cesena.

La vittoria del Trapani ci ha dato una spinta in più per potere reagire ed oggi lo abbiamo fatto in maniera netta e meritata anche dal punto di vista difensivo”.

Il tecnico della Ternana Fabio Liverani ha scelto di giocare questa gara con il 4-3-1-2: Aresti tra i pali, in difesa Zanon e Rossi esterni con Meccariello

e Diakite’ centrali, a centrocampo Ledesma perno centrale supportato ai lati da Petriccione e Di Noia, Falletti in posizione di rifinitore dietro Avenatti e Palombi.

Quattro difensori, altrettanti centrocampisti, un trequartista ed una punta il modulo preferito dall’allenatore dell’Avellino Walter Alfredo Novellino con questi uomini Lazzerini in porta, in retroguardia Gonzales, Djimsiti, Jidayi e Laverone, centrocampo con D’Angelo, Lasik, Omeonga, Belloni, in attacco Ardemagni e Verde. La Ternana ha iniziato l’incontro in pressione, ma senza incidere più di tanto sulla difesa avversaria. Due ammoniti, uno per parte, Laverone e Rossi.

La gara si è sboccata poco oltre il quarto d’ora, al 16′ per la precisione, quando il trequartista Falletti è stato affrontato irregolarmente in area dell’Avellino inducendo l’arbitro Di Paolo a concedere un rigore alla Ternana.

Ha trasformato dagli undici metri Avenatti con un tiro a mezza altezza angolato, comunque intuito dal portiere irpino Lazzerini.

Ternana in vantaggio 1 a 0 dunque con una discreta personalità di gioco.

Al 25′ il centrocampista Di Noia è stato costretto ad abbandonare il campo per infortunio, che ha lasciato la squadra in dieci fino all’ingresso di Defendi al 27′.

La Ternana ha fatto il secondo goal al 34′ approfittando di una fulminea azione in ripartenza di Falletti, che a sinistra ha creato lo spazio per Palombi che aveva seguito opportunamente l’azione prima di preparare il diagonale vincente nell’angolo opposto a quello di tiro alla destra del portiere dell’Avellino Lazzerini.

Ancora una Ternana efficace in contropiede sul finire del tempo, azione che si è sviluppata sulla destra dello schieramento offensivo rossoverde con il cross di Falletti per Petriccione, il cui colpo di testa appena accennato a centroarea ha mancato per pochi centimetri il bersaglio grosso.

Come detto Falletti uno dei migliori: “Sono stati bravi i miei compagni a finalizzare le azioni di attacco – dice il fantasista – ora in trasferta sarà dura, di solito facciamo fatica, ma ce la possiamo fare, dobbiamo crederci ancora per respirare aria più pulita anche se le avversarie si chiamano Novara e Benevento”.

Nel corso della partita si è vista una Ternana spavalda e concreta in contropiede dove ha messo in difficoltà la difesa irpina nell’uno contro uno creando la superiorità numerica e le occasioni giuste per far male all’avversaria.

Da notare la grande abnegazione del gruppo anche nella fase di contenimento con un Avenatti finalmente efficace iniziando proprio dalla retroguardia risolutore con interventi e possesso palla, nonché goleador per il calcio di rigore realizzato.

La grande giornata delle “fere” si è completata al 4′ della ripresa quando il difensore Meccariello non ci ha pensato due volte a sparare in porta da centroarea fulminando l’incolpevole Lazzerini con un bel mancino al volo.

Al 28′ c’è stato un fallo in area di Diakite’ su Biadaoui, che l’arbitro Di Paolo ha giudicato da calcio di rigore, trasformato al 29′ da Ardemagni spiazzando Aresti.

Ribaltamento di fronte e la Ternana ha segnato ancora con Falletti al volo per quello che è stato un vero e proprio trionfo di giornata per la squadra rossoverde.

E l’Avellino ? In verità una giornataccia come sottolineato dal suo allenatore Walter Alfredo Novellino: “Non c’è stato l’approccio, non c’eravamo proprio in campo al di là se ci sarebbe potuto essere o meno il calcio di rigore. La Ternana girava il doppio rispetto a noi. Meglio la ripresa quando è entrato Bidaoui.

Si può uscire da questa situazione solamente con il lavoro” dice il tecnico.

 

 

TERNANA (4-3-1-2): Aresti, Zanon, Meccariello, Diakite’, Rossi, Petriccione, Ldesma (33′ st. Coppola), Di Noia (27′ pt. Defendi), Falletti (36′ st. Contini), Palombi, Avenatti. All. F. Liverani

 

AVELLINO (4-4-1-1): Lezzerini, Gonzales, Djimsiti, Jidayi, Laverone, D’Angelo, Lasik (8′ st. Biadaoui), Omeonga (13′ st. Camara), Belloni (1′ st. Pagnera), Verde, Ardemagni. All. W. Novellino

 

ARBITRO: Aleandro Di Paolo di Avezzano

ASSISTENTI: Enrico Caliari (Legnano); Marco Bresmes (Bergamo)

IV ASSISTENTE: Matteo Marchetti (Ostia Lido)

 

RETI: 16′ pt. Avenatti (Ternana) su calcio di rigore, 34′ pt. Palombi (Ternana)

4′ st. Meccariello (Ternana), 29′ st. Ardemagni (Avellino) su calcio di rigore

30′ st. Falletti (Ternana)

 

AMMONITI: Laverone (Avellino), Rossi (Ternana), Falletti (Ternana), Zanon (Ternana), Meccariello (Ternana)

 

RECUPERO: 4′ pt.; 3′ st.

ANGOLI: 4 a 3 per la Ternana

SPETTATORI: 1.474 paganti € 16.810,60. 1.487 abbonamenti rateo

 

 

 

Stefano Giovagnoli