Alessandro Antinelli ai microfoni de Gli Inascoltabili su Centro Suono Sport

Alessandro Antinelli, giornalista e conduttore della Domenica Sportiva, è intervenuto ai microfoni de Gli Inascoltabili su Centro Suono Sport e ha parlato della Roma e della sua forma:

“la serata con il Porto, una serata da dimenticare, ha spezzato la squadra ma la stagione non è finita, tutt’altro. È ancora tutto da fare, ma non si deve andare in confusione. La Roma secondo me, a oggi, è una squadra completa, certo forse dietro serve un esterno difensivo in più ma i giocatori ci sono. E visto che indietro ormai non si può tornare quel che bisogna fare è essere più compatti possibili ora e battersi per lo scudetto. Se non ci si batte per lo scudetto all’inizio allora già si parte male. Non abbiamo più alcuni giocatori, è vero, ma ce ne sono altri in rosa. Se non c’è la possibilità di acquistare Borja Valero e l’operazione è saltata non capisco, ad esempio, perché Paredes non possa essere quel giocatore importante che ci si aspetta.” Sulla questione De Rossi afferma: “è un tema molto delicato. Daniele si è scusato dopo l’episodio dell’espulsione, ha fatto un passo indietro ma ci sarebbe dovuto essere un allineamento con tutta la società. De Rossi è una persona che nel bene e nel male ci ha messo sempre la faccia, in una situazione del genere quindi penso che il comportamento migliore sarebbe stato sentire proprio da lui che il passaggio di fascia è una scelta condivisa. Credo che invece questa sia stata soprattutto una scelta di Spalletti. E’ una situazione sgradevole di certo, per risolverla sarebbe forse bastato metter dentro Totti e la fascia sarebbe stata sua senza problemi.” Sull’ambiente intorno alla Roma e le proteste dei tifosi spiega: “secondo me non ci si deve limitare alle contestazioni, perché nel 2000 ci fu una forte contestazione e quell’anno, poi, vincemmo lo scudetto. Quindi potrebbe al contrario essere uno sprone per la squadra. Credo che comunicare chiaramente quello che succede dentro lo spogliatoio sia sempre la mossa migliore e aiuti a sopravvivere in momenti di difficoltà come questi”.