Champions League: l’Atalanta fa il Miracolo e vola agli ottavi di finale

11 Dicembre 2019: Shakthar-Atalamta 0-3.  Stadio di Kharkiv  una data che ai tifosi atalantini rimarrà nella mente e per tanti  anni .

Nell’ultima giornata del gruppo C di Champions la squadra di Gasperini batte 3-0 lo Shakhtar Donetsk e vola agli ottavi di finale. LaDinano Zabagria battuta dal City, e con 7 punti la Dea corona il sogno straordinario.   Risultato, Contro i  temuti palleggiatori dello Shakrhar a cui bastava solo un pareggio per superare il turno i nerazzurri  rifilano un secco 0-3!

 Nel primo tempo la Dea fallisce un paio di occasione e Gollini si supera su Junior Moraes, nella ripresa poi Castagne sblocca la gara al 66′, Pasalic raddoppia all’80’ dopo il rosso a Dodo e Gosens firma il tris al 94′. 

 Il MATCH

 Gasperini senza Ilicic e Zapata ., schiera Pasalic alle spalle di Gomnez e Muriel. La  Dea vola agli ottavi di finale Chamopions League , un  sogno che si materielezza nel freddo stadio  di  Kharkiv. Oltre ogni aspetttativa , con grinta  con le  perfette geometrie disegnate dal ‘Mago –Gasp”!

L’Atalanta entra di diritto nell’Olimpo del Calcio Europeo affronta i bravi palleggiatori dello Shakthar , propomemdosi ad inizio gara con due ghiotte occasioni sprecate da Muriel e Pasalic. Ancora Muriel  sfiora il vantaggio assist di  testa di Castagne.

L’Atalanta comando il gioco, gli ucraini gestiscono la gara col possesso, guadagnando metri e facendo valere il palleggio in velocità.

Gomez manca il  vantaggio da buona posizione, dall’altra Zwayer annulla invece un gol di Kovalenko con l’aiuto del Var.

Teté lungo la fascia destra  si oppone ma, si scontra co Gonses , il tedesco è in grande serata.

C’è anche Gollini, il portiere  si supera su una zuccata di Junior Moraes, poi un altro colpo di testa di Stepanenko finisce sopra la traversa.

L’ Atalanta non si spaventa , lo Shakthar ha buon gioco a centrocampo , la bravura dei brasiliani – palleggiatori fa la differenza.

Nella ripresa la squadra di Gasperini  cambia marcia. Le notizie da Manchester sono ancora confortanti.

Ci prova Muriel , il calcio di punizione finisce alto, poi  Djimsiti non trova la porta di testa e Gomez tenta il numero da posizione impossibile. L?arbitro  Zwayer grazia Muriel  già ammonito dopo un fallaccio su Tetè.  Gasperini richiama Masiello per  Malinovskyi, uma giusta mossa che apre al vantaggio atalantino

l’Atalanta manovra bene sugli esterni, crea superiorità e va in vantaggio con Castagne (gol col via libera del Var per una posizione dubbia di Gomez). Rete che spacca la gara e cambia tutto. In vantaggio, i nerazzurri si rimettono subito a posto dietro con l’ingresso di Ibanez e controllano il match. Gli ultimi venti minuti sono un sogno per la banda di Gasperini. Nel finale, infatti, l’espulsione “generosa” di Dodo e il raddoppio di Pasalic allontanano i fantasmi. E il tris di Gosens, dopo una traversa di Ismaily e una parata di Gollini, chiudono i conti con la storia. Dopo aver perso le prime tre gare del girone, l’Atalanta è agli ottavi di Champions.

IL TABELLINO

SHAKHTAR DONETSK-ATALANTA 0-3

Shakhtar Donetsk (4-2-3-1): Pyatov ; Dodo , Kryvtsov , Matvijenko , Ismaily ; Stepanenko , Alan Patrick ; Tetè  (14′ st Marlos), Kovalenko  (26′ st Solomon ), Taison ; Junior Moraes .
A disp.: Shevchenko, Khocholava, Marcos Antonio, Dentinho, Konoplyanka. All.:Castro
Atalanta (3-4-1-2): Gollini ; Djimsiti , Palomino , Masiello  (16′ st Malinovskyi ); Castagne , de Roon , Freuler , Gosens ; Pasalic ; Muriel (27′ st Ibanez ), Gomez  (45′ st Hateboer ).
A disp.: Sportiello, Arana, Traore, Baroow. All.: Gasperini
Arbitro: Zwayer (Ger)
Marcatori: 21′ st Castagne (A), 35′ st Pasalic (A), 49′ st Gosens (A)
Ammoniti: Alan Patrick (S); Muriel, Freuler, Hateboer  (A)
Espulsi: 32′ st Dodo – condotta antisportiva