Sofia Goggia a RTL 102.3:” Milano -Cortina 2026? Credo tanto nel progetto. sarebbe un sogno

La Parola fonda,mentale è rivalorizzazione”  . Nzionale di calcio femminile ci sta mettendo fuoco e passione come piace a me”!

La campionessa olimpica di discesa libera a Pyeongchang e testimonial di RTL 102.5  Sofia Goggia è intervenuta questa mattina in diretta negli studi di RTL 102.5 durante “Non Stop News”.

Qui il link integrale all’intervista: https://youtu.be/MbdDHYnEmW8

A proposito della prima immagine che le viene in mente pensando a Pyeongchang la Goggia risponde: “Quando penso a Pyonghang la prima immagine che mi viene in mente è la pista da discesa su quei collinotti grossissimi coreani e il momento in cui mi sono girata in fondo alla pista,quando ho ringraziato quel posto per quello che mi aveva dato”. Sul successo mediatico: “Vincere sugli sci ti dà molta popolarità che devi saper gestir bene. A volte mia madre mi dice che il successo mi ha succhiato un po’ l’anima perché comunque ti dà un contorno di cose extra che ti richiedono tanto tempo e ti tolgono magari gli spazi personali. Però sta a te, con l’esperienza, riuscire a calibrare e trovare un equilibrio tra tutto. Cerco di viverla  veramente con tranquillità, anche perché l’essenza di quello che faccio non è cambiata e voglio puntare sempre al meglio”. Riguardo i momenti lontani dal successo della gara: “ E’ una dicotomia che ha un gap forte perché passi dal clamore, dagli applausi, dall’essere sotto i riflettori, dal silenzio quasi assordante della tua camera e comunque devi star bene dal risultato conseguito. Certo, se vado forte sono pure più contenta”. La Goggia è poi intervenuta sulle Olimpiadi Invernali di Milano – Cortina 2026. Lunedì a Losanna la decisione: “Sarebbe un sogno enorme, io tra l’altro avrò un treno che mi porterà da Milano a Losanna con la mia amica e conterranea Michela Maioli, oro nello snowboard cross a Pyeongchang, e dovremmo fare anche un breve discorso in inglese davanti la commissione del CIO per convincerli a dare quell’ultimo tocco alla candidatura italiana in cui crediamo, speriamo e che sogniamo tanto”. Sullo stato di salute dell’Italia: “Per certi lati sta benissimo, per altri non così tanto, però io credo immensamente nel potenziale di questo Paese e, in ottica di Olimpiade invernale Milano-Cortina 2026, io credo tanto in questo progetto che andrà a valorizzare davvero tutto il territorio senza costruire cattedrali nel deserto come successo per precedenti Olimpiadi e sarà veramente un motivo per sostenere il nostro Paese e modernizzare le strutture già preesistenti in giro per le Alpi. Credo che la parola fondamentale per questa Olimpiade sia “rivalorizzazione”. La campionessa ha poi commentato il percorso della Nazionale di calcio femminile ai Mondiali: Chiaramente loro vivono uno sport un pochino ‘differente’ rispetto al calcio maschile che è lo sport predominante, loro sono più di nicchia, ma ci stanno mettendo un fuoco, un coraggio, una passione nelle partite che – a parte la sconfitta di ieri con il Brasile – sono state eccellenti in tutto, e comunque il cammino nel Mondiale prosegue. Stanno mettendo fuoco e passione come piace a me”.