Giants , fine dei giochi! Passano i Guelfi 42-39

Fine dei giochi. I Giants Bolzano dicono addio ai propri sogni di gloria con la sconfitta per 39-42 nella semifinale playoff dello stadio Europa.

All’Italian Bowl del 6 luglio ci vanno i Guelfi Firenze di uno straordinario Silas Nacita, indiscusso mvp della sfida disputata a Bolzano. Per i bolzanini, autori di un primo tempo opaco, non basta una grande reazione nell’ultimo parziale per evitare la sconfitta e la fine anticipata della stagione. La cronaca. Il sorteggio premia i Giants, che decidono di lasciare agli ospiti il primo attacco della sfida. La difesa di casa sembra essere in grado di arginare la prima offensiva avversaria, ma su un tentativo di trasformazione di quarto down dalle 40 Nacita pesca Bonanno, abile a sfruttare un errore di De Jesus per il primo TD di giornata. Lo stesso Nacita trasforma con una corsa e porta i suoi sull’8 a 0. Sul successivo kickoff i fiorentini sorprendono lo special team rossoblu con un inatteso onside kick e recuperano clamorosamente il possesso dell’ovale. La difesa bolzanina non sta in ogni caso a guardare e costringe al field goal gli avversari, che falliscono il tentativo. Si resta dunque sull’8-0, con il primo attacco degli altoatesini che non sortisce gli effetti sperati. Di lì a poco tuttavia Forlai intercetta il lancio di Nacita e restituisce il possesso ai suoi, ma la gioia dura poco: un fumble di Petrone, ricoperto dagli ospiti, permette ai Guelfi di tornare in attacco poco prima del cambio di campo. Firenze riparte da un quarto e lungo, ma un ottimo sack di Plattner determina un nuovo cambio di possesso ed al terzo tentativo Bolzano riesce finalmente a mettere punti sul tabellone. Merito del field goal di Della Vecchia, abile a trasformare dalle 30 yards ed a ridurre lo svantaggio sul 3-8. L’inarrestabile coppia ospite composta da Nacita ed Hawthorne non si fa tuttavia impressionare e costruisce su lancio il secondo TD di giornata, utile per far volare i suoi sul 3-15. Gli uomini di coach Tisma ora hanno bisogno di sbloccarsi sul serio e per riuscirci si affidano al proprio QB Austin Gahafer: corsa personale da oltre 40 yards e partita riaperta sul 10 a 15. I locali ora ci credono, ma devono fare i conti con un indemoniato Nacita. Il numero 2 dei Guelfi parte dalle proprie 20 e con uno slalom inarrestabile vola in endzone, ristabilendo le distanze sul 10-22. Sul medesimo punteggio va in archivio una prima frazione ricca di spettacolo, ma anche di errori e falli ingenui, soprattutto in casa Giants. Proprio i bolzanini si ripresentano in attacco in avvio di terzo parziale, consapevoli di essere chiamati ad una nuova, difficile rimonta. Il tentativo non inizia nel migliore dei modi, visto che la crew arbitrale non vede la ricezione in endzone di Jordan Bouah e di fatto nega un TD ai locali, costretti viceversa a restituire palla ai Guelfi. Nacita non si fa pregare e su un nuovo quarto down vola in endzone per il 10-28 che sembra chiudere i conti. Una serie di chiamate arbitrali a senso unico ed il punteggio sfavorevole fanno affiorare grande nervosismo nelle fila locali, ma trascinati dal calore del proprio pubblico i Giants reagiscono ed accorciano sul 16-28 sull’asse Gahafer-Simone. L’attacco ospite è tuttavia una sentenza e di lì a poco Nacita pesca Stowers, che arpiona in endzone il pallone del 16-35, punteggio su cui i due team vanno all’ultimo cambio di campo. Spinti dalla forza della disperazione i Giants impiegano appena 1’40” per trovare la endzone con la ricezione di Petrone. Bouah trasforma da due punti e fissa il punteggio sul 24-35. L’obiettivo primario degli ospiti è ora quello di far scorrere il tempo il più velocemente possibile e la “cassaforte” Nacita si rivela una garanzia in tal senso. Anzi, il numero 2 fa di meglio: dopo una decina di portate trova lo spiraglio giusto per chiudere i conti con la segnatura del 24-42.

Con orgoglio i rossoblu trovano ancora una volta la forza di reagire e di segnare con la splendida ricezione di Marco Bonacci. Bouah trasforma ancora da due punti e trova così il 32 a 42 a 3’16” dalla fine delle ostilità. La difesa di casa riesce a questo punto nel miracolo di fermare gli avversari in poco più di un minuto e con 1’40” da giocare uno straordinario Marco Bonacci concede il bis, riaprendo clamorosamente i giochi sul 39-42. Il nuovo tentativo di onside kick dei Giants fallisce, ma la difesa di casa riesce comunque a fermare gli ospiti ad appena 15” dal fischio finale. Con quasi tutto il campo da percorrere l’attacco bolzanino prova il miracolo, ma stavolta il cuore Giants non basta. I Guelfi vincono 39-42 e volano all’Italian Bowl.

 

Nelle foto: 1. Un placcaggio di Alex Ferrari su Silas Nacita.

  1. Una ricezione di Marco Bonacci.