PALLONE CRIMINALE di Gianluca Ferraris

Da sabato 16 febbraio su Storytel il podcast dedicato ai rapporti tra calcio e malavita organizzata

Da camorra e ‘ndrangheta alla mafia cinese, dai narcos ai corrieri della droga:

come nasce e prospera il pallone criminale

Nella prima puntata un’intervista esclusiva a Marco Paoloni

nei giorni che precedono le arringhe finali del processo

(A richiesta, sono disponibili sia la registrazione dell’intervista sia la trascrizione delle dichiarazioni di Paoloni)

Il mondo del pallone non è sempre e soltanto il palcoscenico di grandi eventi, leggendari trionfi e memorabili sconfitte. Spesso inquietanti ombre avvolgono il calcio italiano e non solo: quelle della criminalità organizzata. Partite truccate, riciclaggio, scommesse, estorsioni. Da camorra e ‘ndrangheta alle Triadi cinesi, dai narcos colombiani alla gang di Singapore capace di falsare persino un mondiale, quello del 2006 vinto proprio dagli azzurri. Calcio e malavita hanno in comune molte cose: la capacità di attrazione, i soldi, tanti, e l’omertà, ancora più grande. E proprio il loro rapporto, le loro connessioni, saranno protagoniste del nuovo podcast Storytel, Pallone Criminale, del giornalista e scrittore Gianluca Ferraris. Un racconto documentato e scioccante, ricco di testimonianze inedite, dal quale emergono l’immagine di un calcio quasi completamente privo di anticorpi e quella di una criminalità spregiudicata e, come sempre, bravissima a ritagliarsi sfere di influenza e di potere economico. Lette da Carlo Annese le prime sei puntate saranno disponibili su Storytel, a partire dal 16 febbraio con “Anestetico e vecchi campioni” e l’intervista esclusiva all’ex portiere della cremonese Marco Paoloni.

“Nel mondo del calcio al 99% scommettono tutti, dei giocatori. Perché purtroppo… non si fa per soldi. Uno ci deve passare per capire (…) Però sì, comunque, dove ho giocato io il 99% scommettevano. Pure in Serie A scommettono. Cioè io non so, però sono usciti fuori il discorso Buffon, è uscito fuori Mauri, tanti giocatori”. Queste le prime parole di Paoloni nel podcast: nei giorni che precedono le arringhe conclusive del processo (che apriranno martedì 19 febbraio), Paoloni ripercorre le accuse e la serie di eventi che lo hanno portato ad essere il primo grande protagonista dello scandalo del calcioscommesse.

E continua, parlando della Figc e anticipando le sue future intenzioni: “Perché poi anche la Figc funziona così: se tu collabori, dici “Sì, ho fatto queste cose”, come tanti giocatori hanno fatto, ti danno due anni di squalifica. Io sono l’unico che ha mantenuto quella linea e mi hanno dato cinque anni, con la proposta di radiazione. Infatti ad oggi sono ancora squalificato. Ci sono cose che non funzionano alla Figc. In questo momento non mi sento di dire niente, perché comunque ho capito che persone sono, ho capito che il mondo del calcio fa schifo, è tutta una merda. Loro sono i primi a sapere tutto quanto di questo sistema, come gira. Io adesso aspetterò (il processo di) Cremona e poi farò le mie valutazioni con il mio avvocato”.

Le altre puntate del podcast:

#2 Che fine ha fatto il signor Song?

#3 Le mani sul Napoli

#4 Il giocattolo dei narcos

#5 Singapore connection

#6 Il calcio è cosa nostra

Lanciata in Italia il 27 giugno scorso, Storytel è la prima piattaforma europea di audiolibri evanta un catalogo di più di 50.000 titoli in inglese e circa 2.500 in italiano, tra cui molte esclusive, in continuo aggiornamento.

* Gianluca Ferraris, classe 1976, è genovese di nascita e milanese d’adozione. Giornalista, si è occupato a lungo di cronaca e ha pubblicato sia saggi che romanzi, oltre a partecipare a diverse antologie. Ha scritto due libri sul calcioscommesse che gli sono valsi la menzione speciale della Federcalcio al premio Ghirelli nel 2012. Negli ultimi anni si è dedicato alla fiction con una trilogia noir (A Milano nessuno è innocente, 2015; Piombo su Milano, 2016; Shaboo, 2017) che sarà presto disponibile in audiolibro su Storytel.

Comments are closed.