Serie C: Ternana-Rende 3-1

LA TERNANA ARCHIVIA LA PRATICA RENDE IN 17′: 3 A 1 CASALINGO AL RENDE DOVE VANNO IN GOAL VANTAGGIATO, PARTIPILO E MAMMARELLA.

LA SQUADRA DI GALLO NON RIESCE PERO’ A GUADAGNARE PUNTI SULLA CAPOLISTA REGGINA, CORSARA AL FOTOFINISH A BISCEGLIE.

Ternana sul “velluto” nella partita casalinga contro il Rende, vinta 3 a 1 dai rossoverdi. “Amaro in bocca” invece per non avere guadagnato punti sulla capolista Reggina come era accaduto una settimana fa.

Ternana in campo con il 4-3-1-2. Iannarilli in porta, difesa con Parodi, Diakite’, Bergamelli e Mammarella, in mediana Damian, Palumbo e Salzano, Partipilo da raccordo dietro le due punte Vantaggiato e Marilungo. Ferrante in panchina.

Il Rende ha giocato con il 4-3-3. Savelloni tra i pali, in difesa Vitofrancesco, Nossa, Bruno, Origlio, a centrocampo Collocolo, Murati, Fornito alle spalle del tridente formato da Morselli, Rossini e Giannotti.

Due novità nella Ternana rispetto alla vittoriosa trasferta di Potenza con l’avvicendamento tra Paghera e Salzano, Ferrante e Vantaggiato.

Tra i calabresi out Cipolla, inizialmente in panchina, al suo posto Fornito.

Al 13′ la Ternana è passata in vantaggio sfruttando un’azione in ripartenza con il pallone, che è “viaggiato ” veloce sull’asse Partipilo – Vantaggiato, il cui preciso diagonale è andato a “morire” nell’angolo lontano alla destra di Savelloni.

Gli ospiti si erano comunque presentati in campo senza timore reverenziale cecando di giocare la partita, ma dopo avere “tenuto botta” una decina di minuti, si sono esposti alla velocità della Ternana, che al 17′ ha raddoppiato con una bell’azione in area di Partipilo approfittando delle “maglie larghe” della difesa.

Comunque bravo il trequartista rossoverde nel districarsi in area denotando tutti i limiti della retroguardia del Rende che ha fatto più di una differenza.

Alla Ternana sarebbe bastato giocare veloce per disorientare la difesa del Rende a questo punto “tallone di Achille” per una formazione di bassa classifica.

La prima risposta dell’undici calabrese e’ stata molto pericolosa quasi da sfiorare il goal, che avrebbe potuto dimezzare il risultato parziale con il portiere Iannarilli tempestivo nella deviazione in calcio d’angolo.

Dal punto di vista tecnico, ovviamente, la partita è stata impoverita di particolari contenuti, vista la caratura tecnica delle due squadre in campo e, il doppio vantaggio della Tenana in poco più di un quarto d’ora, ha spento ancora ulteriormente gli animi di un incontro già di per se scontato alla vigilia.

Un’altra opportunità per la Ternana al 42′ questa volta con Damian protagonista il quale, al momento del tiro, non ha angolato abbastanza la conclusione a rete.

Dall’altra parte Collocolo ha sfiorato il goal con un colpo di testa sotto misura.

Ecco perché l’allenatore della Ternana Gallo si è “sbracciato” per mantenere alta la tensione in vista del secondo tempo, che si è comunque aperto con una chances al 3′ per il difensore Parodi con un tiro in area “scivolato” sul fondo.

Il goal per i rossoverdi è arrivato al 9′ con il primo calcio di punizione vincente di Mammarella, la cui traiettoria di sinistro non ha lasciato scampo a Savelloni con la “parabola a giro”, che ha “messo in cassaforte” il risultato e i tre punti.

Subito dopo è stato assegnato un calcio di rigore al Rende, trasformato al 14′ da Vitofrancesco, che ha spiazzato Iannarilli, concesso per un fallo di Parodi.

Al 18′ i padroni di casa hanno riprovato a fare goal con Partipilo, ma il tiro non ha inquadrato la porta di quello che in pratica era un “rigore in movimento”.

Al 37′ la Ternana ha anche colpito un palo con Torromino  e subito dopo Salzano ha “sparato” alto dal limite dell’area di rigore in mezzo alla “girandola di sostituzioni” in un tranquillo finale di partita per i colori rossoverdi.

“Non deve mai mancare questo tipo di approccio alla partita – ha fatto sapere l’allenatore rossoverde Fabio Gallo – siamo riusciti a giocare con la testa, ma sfruttato solo una parte delle occasioni avute. Avremmo dovuto vincere senza prendere goal e invece sono stati fatti errori individuali di Diakite’ e Parodi.

Per il resto stiamo lavorando sulla nuova costruzione dell’azione con le aperture sulle mezze ali perché con il solo attaccante “spalle alla porta” saremmo troppo prevedibili e quindi sarebbe più opportuno trovare delle varianti al gioco”.

Ternana-Rende 3-1

Il Tabellino

TERNANA (4-3-1-2): Iannarilli, Parodi (87′ Proietti), Diakite’, Begamelli, Mammarella, Daminan (68′ Defendi), Palumbo, Salzano, Partipilo (74′ Ferrante), Vantaggiato (74′ Furlan), Marilungo (68′ Torromino). All. F. Gallo

RENDE (4-3-3): Savelloni, Vitofrancesco, Nossa (63′ Ampollini), Bruno, Origlio, Collocolo (83′ Ndiaye), Murati, Fornito, Morselli, Rossini, Giannotti (63′ Godano). All. R. Guardia

ARBITRO: Paolo Bitonti di Bologna

ASSISTENTI: Simone Teodori (Fermo); Giacomo Pompei Poentini (Pesaro)

RETI: 13′ pt. Vantaggiato (Ternana U.); Partipilo (Ternana U.); 9′ st. Mammarella (Ternana U.); 14′ st. Vitofrancesco (Rende) su calcio di rigore

AMMONITI: Partipilo (Ternana U.); Bruno (Rende)

RECUPERO: 1′ pt.; 3 st.

ANGOLI: 8 a 4 per la Ternana

SPETTATORI: 5514

 

Stefano Giovagnoli