Home » Non sto qui a pettinare le bambole | Fonseca non le manda a dire: il suo pupillo ha scelto il Barça

Non sto qui a pettinare le bambole | Fonseca non le manda a dire: il suo pupillo ha scelto il Barça

Paulo Fonseca - Foto Lapresse - Ilgiornaledellosport.net
Paulo Fonseca – Foto Lapresse – Ilgiornaledellosport.net

Il mercato del Milan stenta a decollare: tante le trattative aperte, ma per il grande obiettivo è spuntata una pericolosa concorrente.

Se si vuole far arrabbiare un tifoso di calcio, parlate pure di “scudetto del bilancio”. L’espressione è entrata nel vocabolario corrente del mondo del pallone da qualche anno, in concomitanza con la trasformazione dei club in società per azioni.

L’aumento esponenziale dei costi di gestione di una società è coperto solo per i club più virtuosi dalle entrate da sponsor, botteghino e diritti televisivi. Pertanto, alla luce anche delle spade di Damocle legate al Fair Play Finanziario, tenere i bilanci in ordine è un must che va spesso a scontrarsi con i sogni dei tifosi legati al calciomercato.

In tal senso il Milan targato RedBird ha appena licenziato il secondo bilancio consecutivo in utile, con numeri anche superiori rispetto al 2023. In assoluto una buona notizia, ma ai tifosi abituati ad anni di trionfi non può bastare se associata all’immobilismo sul mercato che sta caratterizzando le prime settimane di trattative.

Il via della nuova stagione è infatti sempre più vicino e al momento le uniche novità riguardano il via del progetto della seconda squadra, il Milan Futuro ai nastri di partenza della prossima Serie C, e l’ingaggio di Paulo Fonseca come nuovo allenatore. Troppo poco per contrastare i movimenti che hanno visto protagoniste Inter, Juventus e Napoli?

Milan, Fonseca aspetta i primi rinforzi: servono tre titolari

Forse sì, perché l’estate milanista sta proseguendo a suon di trattative che non riescono a sbloccarsi. Il tecnico portoghese è pronto a vivere con entusiasmo la nuova avventura professionale, ma al momento si deve accontentare delle notizie in arrivo dagli Stati Uniti, dove la precoce eliminazione della squadra di casa dalla Copa America farà sì che Yunus Musah e Christian Pulisic si aggreghino al gruppo prima del previsto.

Resta però il fatto che l’organico necessita di ritocchi sostanziali in tutti i reparti. Dalla difesa all’attacco, il nuovo Milan vedrà almeno tre innesti destinati a diventare pedine chiave della formazione titolare. Il riferimento è al centravanti che dovrà sostituire Olivier Giroud, al mediano chiamato a dare muscoli davanti alla retroguardia e a un esterno difensivo di spinta.

Rafael Leao Emerson Royal - Foto Lapresse - Ilgiornaledellosport.net
Rafael Leao Emerson Royal – Foto Lapresse – Ilgiornaledellosport.net

Emerson Royal-Milan, spunta la concorrenza del Barcellona

Quest’ultimo ruolo, in particolare, dovrà essere coperto il prima possibile, dal momento che nel calcio di Fonseca la figura del classico fluidificante, chiamato a dare manforte alla fase d’attacco, è fondamentale. Il profilo sarebbe già stato individuato nel brasiliano Emerson Royal, in uscita dal Tottenham, ma proprio quando l’affare sembrava prossimo alla definizione è spuntata una pericolosa concorrente.

Il Barcellona non è infatti certo di poter contare anche nella prossima stagione sull’apporto di Joao Cancelo, tornato per fine prestito al Manchester City. Secondo quanto riportato dal Mundo Deportivo, allora, i catalani avrebbero individuato proprio in Royal una delle alternative. Reduce da una stagione da comprimario al Tottenham, Emerson ha già detto sì al Milan. Per chiudere l’acquisto serve però trovare l’accordo con gli Spurs, disposti a scendere non sotto i 20 milioni per il cartellino del classe ’99. Il rischio è che l’ingresso in scena del Barcellona faccia lievitare il prezzo e induca in tentazione il giocatore di far saltare l’accordo già raggiunto con il Diavolo.