Tra un mese L’Eroica a Gaiole in Chianti ma già domani, a San Candido, si pedala per vivere insieme

La “BELLEZZA DELLA FATICA E IL GUSTO DELL’IMPRESA”

Tra poco più di quattro settimane Gaiole in Chianti rinnoverà il rito de L’Eroica, la cicloturistica d’epoca più amata al mondo. Un rito che si ripete da ventidue anni, cioè da quella prima edizione alla quale presero il via in 92, un po’ per gioco e un po’ per scommessa, per vedere chi ce l’avrebbe fatta a pedalare duecento chilometri con le bici di vent’anni prima, su strade vecchie di secoli e maglie di lana pesanti e decisamente fuori moda. Pochissimi pensarono allora che Giancarlo Brocci e gli altri sette soci fondatori, stavano per inventarne una che avrebbe conquistato non solo la provincia di Siena, la Toscana, poi l’Italia tutta e infine il mondo intero con le sue edizioni in California, SudAfrica, Gran Bretagna, Giappone, Spagna, Olanda e gli eventi di primavera a Buonconvento e Montalcino. Infine con gli eventi Ciclo Club in Germania e sulle Dolomiti. Poi chissà dove altro ancora.

“Quella del 7 ottobre è L’Eroica con la “elle e l’apostrofo” – dice sempre Giancarlo Brocci – perché da L’Eroica nasce un popolo di passione che non conosce limiti di alcun tipo tanto da affascinare giovani e meno giovani, uomini e donne di ogni latitudine”. Così è davvero, senza alcuna forma di esibizionismo o rappresentazione scenografica. A L’Eroica il ciclismo pedala alla ricerca le proprie origini per recuperare quella “bellezza della fatica e il gusto dell’impresa” che la società moderna tende a cancellare e dimenticare facilmente. L’Eroica è questo; il recupero delle radici di uno sport faticoso, nel quale dalla fatica si trovano le energie per progettare il futuro.

Domenica 7 ottobre a Gaiole in Chianti ognuno troverà la strada  bianca per le proprie possibilità, dai 32 chilometri della passeggiata, ai 46 chilometri del percorso leggermente più impegnativo, a quello dei 75 chilometri che richiede già una certa preparazione, al percorso dei 135 chilometri che esige rispetto e forte determinazione. Fino al percorso eroico per eccellenza, quello dei 209 chilometri che vanno da Gaiole in Chianti a Montalcino e ritorno; una pellicola di immagini indimenticabili che rimangono nel cuore e fanno desiderare, forse solo per L’Eroica, che un anno passi in fretta per essere di nuovo a Gaiole e pedalare nello splendore del Chianti.

Come sempre a L’Eroica saranno oltre 7000 i ciclisti al via; parecchi di più, si stima, non pedaleranno ma animeranno il villaggio e parteciperanno agli eventi in programma. Tra tutti sono particolarmente attese le tante iniziative dedicate a Luciano Berruti, il cui ricordo mai cesserà di essere al primo posto nei cuori di chi apprezza i valori su cui si fonda l’appuntamento.

 

In attesa del pellegrinaggio a Gaiole, sabato 8 settembre a San Candido (BZ) i soci del Ciclo Club Eroica si ritroveranno per pedalare sulle strade, magnifiche, di Eroica Dolomiti. Tra le montagne, i boschi e gli scenari che L’Unesco custodisce gelosamente tra i suoi tesori più belli.  Tutte le info su https://eroica.it/eroica-dolomiti

L’Eroica, Gaiole in Chianti in just one month, but already tomorrow cyclists can pedal together in San Candido to experience

the “BEAUTY OF FATIGUE AND THRILL OF CONQUEST”

In just over four weeks in Gaiole in Chianti, L’Eroica, the most popular vintage leisure event in the world will play out again, in a ritual that is now in its twenty-second year. At that first edition in 92, cyclists set out, partly for fun, partly as a gamble, to see who would manage to pedal 200 km on 20-year old bikes, on century-old roads and wearing heavy wool jerseys that were decisively old-fashioned. At the time, not many believed that Giancarlo Brocci and his seven founding partners, were on the brink of inventing something that would take over not just the province of Siena, but the whole of Tuscany, then Italy and the entire world, with editions in California, South Africa, Great Britain, Japan, Spain, Holland and the springtime events in Buonconvento and Montalcino. And finally, with the Ciclo Club events in Germany and in the Dolomites. Who knows where next!

“The L’Eroica on 7 October is the one with the capital L apostrophe” – Giancarlo Brocci always says – because from L’Eroica a passion was born that knows no limits; it wins over young and old, men and women at every latitude”. That’s the way it is, no kind of exhibitionism or show. At L’Eroica, cycling seeks out its origins to recover that “beauty of fatigue and thrill of conquest” that modern society tends to eliminate and easily forget. This is L’Eroica: the recovery of the roots of a tough sport that finds inspiration for the future in the very fatigue that makes it unique.

On Sunday, 7 October, in Gaiole in Chianti, everyone will find the white road to suit them, from the 32 km leisure ride, to the 46 km slightly more challenging route, to the 75 km that requires a certain amount of preparation, to the 135 km that demands respect and determination. To the truly heroic route, the 209 km from Gaiole in Chianti to Montalcino and back; a series of unforgettable images that stay in your heart and make you wish, probably just for L’Eroica, that the year will pass quickly so that you can come back to Gaiole to cycle in the splendour of the Chianti region again.

As usual, there will be over 7,000 cyclists at the starting line; estimates calculate that many more will animate the village and take part in the other scheduled events. The most anticipated events are those dedicated to Luciano Berruti, whose memory will never cease to take first place in the hearts of those who appreciate the values on which L’Eroica is founded.

In anticipation of the pilgrimage to Gaiole, on Saturday 8 September in San Candido (Bolzano), Ciclo Club Eroica members will meet to cycle the magnificent roads of the Eroica Dolomiti. Through mountains, forests and panoramas that UNESCO safeguards as one of its most precious treasures. Info https://eroica.cc/eroica-dolomiti

 

 

Gaiole in Chianti (SI), 6 settembre 2018

 

L’Eroica poteva nascere solo in Toscana. Questione di anima, di terra, di strade bianche, di paesaggi, di vino e buon cibo, di cultura e di passioni, di storia e di Bartali. Oggi Eroica, conosciuta in tutto il mondo per la sua gente speciale ed i suoi valori, rappresenta in se l’idea della Toscana bella, capace di proporsi al mondo per uno stile di vita che guarda al futuro, nel rispetto di identità e ambiente, alla ricerca delle radici autentiche di un grande sport come il ciclismo.

 

L’Eroica could only have been born in Tuscany. It’s a matter of soul, of land, white roads, landscapes, of genuine food and wine, of culture and passions, of history and of Bartali. Now world-renowned for the special people it involves and for the values it upholds, Eroica encapsulates the very essence of Tuscany, a place that offers a lifestyle that looks to the future, without neglecting its identity and its environment, while also seeking to rediscover the authentic roots of the great sport that is cycling

Fiano Romano grande partecipazione alla Granfondo Valle del Tevere-Trofeo Aldo Renzi
HE EXPERT VALVERDE CLIMBS ON THE THRONE

Comments are closed.