Ternana-Teramo 2-1

LA TERNANA RIPRENDE QUOTA. BATTE 2 A 1 IL TERAMO NEL POSTICIPO E RAGGIUNGE IL SECONDO POSTO.

L’ALLENATORE LUIGI DE CANIO HA ELOGIATO LA FORZA CARATTERIALE DELLA SQUADRA, CHE SI PORTA DIETRO ANCORA LE PAURE E LA MANCANZA DI TRANQUILLITA’ DOPO I RISULTATI NEGATIVI DELLE ULTIME SETTIMANE. BOCCIA IL TERRENO DEL LIBERATI:  “TENERSI IN PIEDI UN’IMPRESA SU UN CAMPO INFAME”.

La Ternana ha ritrovato l’appuntamento con la vittoria e lo ha fatto nell’ultima giornata del girone di andata superando il Teramo 2 a 1 nel posticipo casalingo del “Liberati” di oggi pomeriggio.

La formazione rossoverde è andata subito all’assalto di quella abruzzese cercando di “prendere in mano” la partita con tutto l’orgoglio possibile dopo gli ultimi risultati negativi e lo ha fatto nel migliore dei modi prima con un tentativo “rompi ghiaccio” di Frediani e poi con una discesa di Pobega sulla sinistra da cui è nata al 29’ l’azione, che ha portato la squadra sull’ 1 a 0.

“Si è vista la forza caratteriale di chi  non vuole accettare questo tipo di situazioni e lo hanno fatto su un campo infame definendolo il più brutto d’Italia dopo essere stato tra i più belli – commenta Luigi De Canio – tenersi in piedi era un’impresa e, invece, i ragazzi hanno fatto vedere anche delle buone cose. In questo momento ci portiamo dietro la paura e la mancanza di tranquillità”.

Alla vigilia della gara spartiacque con il Teramo, la società si era interrogata sulla crisi della squadra aprendo una riflessione che aveva portato il patron Stefano Bandecchi a non “sacrificare” per il momento l’allenatore De Canio dando la colpa alla mancanza in società di una figura importante come quella del direttore sportivo, il cui annuncio dovrebbe essere comunicato a breve.

La Ternana è scesa in campo a “fare la partita” pressando alto ed imponendo il proprio ritmo.

Il primo tiro verso la porta del Teramo è stato di Frediani, uno dei più positivi in questa prima parte della stagione, che ha ben calciato in diagonale, ma il portiere ospite ha coperto il suo palo.

Gasparetto e Bifulco non hanno trovato la porta con il colpo di testa, mentre la percussione di Pobega ha “innescato la marcia giusta” offrendo l’assist a Frediani per il tap inn da due metri.

Il Teramo, in pratica, non è pervenuto. Ha collezionato qualche ammonizione ed oltremodo tanta imprecisione, che ha non impensierito la inoperosa difesa rossoverde.

La squadra abruzzese ha cercato di limitare solamente i danni tamponando le incursioni offensive della Ternana anche con opportuni falli tattici e così al 12’ della ripresa ha avuto buon gioco la combinazione Altobelli – Frdiani, il cui cross basso in area di rigore del Teramo non ha trovato sia Pobega, che Marilungo per la deviazione vincente.

Sembrava tutto facile per la Ternana e invece gli ospiti hanno avuto la chances per pareggiare e, al primo tiro in porta, hanno affondato il colpo decisivo con il cross in area di Proietti dalla trequarti sinistra del campo con la palla che è stata “spizzata” sul secondo palo dove aspettava Fiordaliso, che in acrobazia ha fatto 1 a 1 rimettendo l’incontro in discussione.

 

Il Tabellino

 

TERNANA (4-3-3). Iannarilli, Fazio, Gasparetto, Pobega, Lopez, Defendi (46’ Callegari), Altobelli, Giraudo, Frediani (79’ Furlan), Marilungo (89’ Butic), Bifulco (82’ Vantaggiato)

All. L. De Canio

 

TERAMO (5-3-2): Lewandowski, Ventola, Piacentini (70’ De Grazia), Caidi, Fiordaliso, Celli (65’ Mantini), Persia, Proietti. Spighi (70’ Bacio Terracino), Piccioni (78’ Barbuti), Zecca (78’ Cappa).

 

ARBITRO: Andrea Colombo di Como)

ASSISTENTI: Alessio Saccenti (Modena); Davide Baldelli (Reggio Emilia)

 

MARCATORI: 29’ Frediani (Ternana), 61’ Fiordaliso (Teramo), 68’ Pobega (Ternana)

 

AMMONITI: Piacentini (Teramo), Ventola (Teramo), Spighi (Teramo), Caidi (Teramo)

 

RECUPERO: 0’ pt.; 4’ st.

 

Stefano Giovagnoli

Serie C , risultati e classifica 17/esima Giornata

Comments are closed.