19° MILLET TOUR DU RUTOR EXTREME – 23, 24, 25 Marzo 2018 – ARVIER (AO)

Al via la spettacolare tre giorni di gare di scialpinismo a coppie in Valle D’Aosta (Valgrisenche) unica tappa italiana del circuito de “La Grande Course”.

Una gara “mondiale” con la presenza delle nazionali Jennifer Fiechter, Alba Desilvestro, Katia Tomatis, Martina Valmassoi e i plurimedagliati Michele Boscacci, Filippo Barazzuol, Nadir Maguet, Matteo Eydallin, Francois Cazzanelli, Stefano Stradelli, William Boffelli, Reichegger Manfred. A contendersi il prestigioso trofeo anche tantissimi altri campioni provenienti da tutto il mondo.

  In programma ad Arvier (AO) il 23, 24, 25 marzo il Millet Tour du Rutor Extrême, una tra le più spettacolari e moderne gare a coppie sci alpinistiche italiane a cadenza biennale. 300 équipe maschili, 22 femminili, 30 squadre giovani, 18 nazioni, 704 atleti, tra loro anche atleti provenienti dalla Cina e da oltreoceano, grandi campioni e il popolo dello skialp. Parterre di livello, sold out di pettorali, vera montagna, tanta neve, tracciati in condizioni ottimali, estrema professionalità e tanta passione organizzativa sono il mix vincente dell’unica tappa italiana 2018 di la Grande Course: 7000m di dislivello positivo spalmati su 75 km di vero fuoripista (40km di salita, 32km di discesa, 5km di creste aeree). Un tracciato altamente tecnico e spettacolare disegnato dalla guida alpina e Direttore di Gara Marco Camandona e il suo staff. Una gara “extrême” di nome e di fatto.

Tra i campionissimi pronti ai nastri di partenza da segnalare tra gli italiani, la presenza di nomi illustri dello scialpinismo mondiale tra cui Michele Boscacci (fresco vincitore assieme a Robert Antonioli della Pierre Mentà 2018, appena conclusasi) che farà coppia con la giovane promessa Davide Magnini alla suo primo anno nella categoria Senior; la coppia di plurimedagliati della squadra del Cs Esercito, Nadir Maguet e Matteo Eydallin; quella di Francois Cazzanelli e Stefano Stradelli; e la coppia William Boffelli e Reichegger Manfred (campione di grande esperienza e pluri-vincitore di medaglie ai mondiali di scialpinismo). Dopo l’infortunio del catalano Kilian Jornet, l’austriaco Jakob Hermann sarà al via con l’azzurro Filippo Barazzuol. Tra i candidati alla lotta per la prima piazza ci saranno anche i transalpini Xavier GachetWilliam Bon Mardion e i dominatori dell’ultima Sellaronda Werner MartiMartin Anthamatten.

Tra le donne in gara da segnalare: Jennifer Fiechter, classe ’92 e membro della Squadra nazionale Svizzera di Sci Alpino: a 3 anni era già sugli sci e a 15 aveva già partecipato alla prima grande competizione di sci alpinismo; da allora ha vinto quasi tutto quello che si può vincere. Tra le atlete italiane saranno presenti Alba Desilvestro campionessa di scialpinismo (tre Coppe del Mondo per le discipline General, Individual e Vertical, categoria Espoir, ovvero delle atlete under 23) oltre ad essere stata la seconda donna ad entrare a far parte dell’Esercito Italiano per la disciplina dello scialpinismo dopo Gloriana Pellissier; Katia Tomatis (nazionale italiana di Sci Alpinismo) trionfatrice della Pierre Menta 2018 e Martina Valmassoi, da campionessa di scialpinismo (ha indossato anche la divisa della Nazionale italiana) è diventata oggi una trail runner tra le più talentuose in circolazione. 

Nato ufficialmente nel 1933 sul ghiacciaio del Rutor, versante di La Thuile, per poi trovare la sua definitiva location nel cuore della “Valgrisa” – come la chiamano gli scialpinisti -, il Millet Tour du Rutor Extrême quest’anno sarà l’unica tappa italiana de La Grande Course, ovvero il circuito delle gare più belle e prestigiose di tutto l’arco alpino. Circuito nel quale spiccano Pierra Menta, Trofeo Mezzalama, Patrouille des Glaciers, Adamello Ski raid e Altitoy Ternua.  Oggi come 84 anni fa, per gli amanti di sci e pelli di foca, neve fresca e creste aeree, quella valdostana è una gara assolutamente da non perdere. 

Il Tour du Rutor, vista l’estrema tecnicità del percorso, non è una gara per tutti. La severità dei suoi percorsi, le emozioni che sa regalare, la maniacale attenzione con la quale l’organizzazione cura ogni singolo dettaglio, hanno contribuito a renderlo mitico. Per queste chicche, per lo spettacolo che le tre tappe sanno regalare, per l’altissimo livello degli atleti in gara e per i premi che il comitato organizzatore mette in palio nelle apposite aree supporter, il Tour du Rutor merita non solo di essere corso, ma anche seguito.

Gli atleti concorrono in quattro categorie in squadre da due elementi (maschile e femminile): Senior (sino a 21 anni), Master (nati nell’anno 1972 e precedenti), Junior (1998/1999/2000) e Cadetti (2001/2002/2003). Sono ammesse coppie miste sia per categorie sia per sesso. 

Un circuito di importanza mondiale per gli atleti professionisti ma che riserva particolare attenzione anche alle categorie giovanili. Sei gare con percorsi specifici per la categoria cadetti (15-16-17 anni) e per la categoria junior (18-19-20 anni). Un circuito di vero scialpinismo appositamente studiato per i giovani, con tracciati in ambiente, con passaggi alpinistici di vera montagna, canali e creste. Montagne spettacolari, discese in powder, briefing e fotografi dedicati. Un’opportunità unica per individuare i futuri campioni di domani.

Sport e turismo ecosostenibile sono le caratteristiche di questa manifestazione promossa e animata dall’inesauribile energia di guide alpine, alpinisti, atleti ed ex agonisti che da tre generazioni lavorano per rendere ogni edizione unica e per promuovere il territorio alpino nel mondo.

Numerose anche le attività collaterali che prevedono tra l’altro il contest fotografico “PhotoAlpArvier2018” e il Mountain Village, una vera e propria fiera di settore nel cuore di Arvier, in occasione della tre giorni scialpinistica griffata Sci Club Corrado Gex, con la presenza di numerose aziende del settore outdoor; un vero e proprio punto di incontro per atleti e appassionati, un’occasione per conoscere e toccare con mano tutte le novità del mercato.  

 

Per maggiori informazioni, iscrizioni & convenzioni alberghiere: www.tourdurutor.com

Si accendono i riflettori sulla Coppa del Mondo di Snowboard: a Cortina d’Amp
PEYONGCHANG, CAROLINA KOSTENR CHIUDE AL QUINTO POSTO

Comments are closed.