E’ calato il sipario sui mondiali pewr club di Dragon Boat

NEL SUGGESTIVO ARSENALE DI VENEZIA CON 22 TITOLI SUI 2000 METRI

 La splendida e suggestiva cornice dell’Arsenale, storico cuore dell’industria navale di Venezia, ha fatto da teatro alla quarta e conclusiva giornata dei “Campionati Mondiali per Club di Dragon Boat-Venezia 2017”. Ventidue i titoli iridati assegnati sulla distanza lunga “ad inseguimento” dei 2000 metri, con gli equipaggi provenienti da Ucraina e Germania a fare la voce grossa, ma anche con i team italiani (Università di Venezia in primis) a battersi con onore conquistando medaglie d’oro e podi.

Nel dettaglio, partendo dai dragoni a 20 posti, nella categoria Senior subito doppietta per gli ucraini diOtaman, primi nel maschile in 7’01”17 (terzo The Core Canottaggio Sabaudia) e nel misto in 7’20”10 (quarto The Core Canottaggio Sabaudia, decima Etruria Dragon), mentre nel femminile si è imposto l’SV Union Boeckingen-Neckardrachen (Germania; 8’04”63) con l’Università di Venezia medaglia di bronzo. Nella categoria Master sempre Ucraina nel 50+ maschile con successo della Dinamo in 7’29”29 (terza la Canottieri Comunali Firenze) e ancora Germania nel misto con il Team Preussen-Potsdam(7’57”77) davanti alla Canottieri Comunali Firenze; nel Master 40+ maschile oro russo con gli Shtorm(7’08”18), nel misto invece altro primato per i tedeschi dell’SV Union Boeckingen-Neckardrachen(7’23”25). Soddisfazione nel Junior uomini per i moldavi del Vulturi “A” (7’45”52), infine nelle Donne in Rosa il Trifoglio Rosa/Pink Butterfly (10’26”30) l’ha spuntata sul Kayak Canoa Cordenons.

Nel pomeriggio è stata la volta dei mini dragon (10 posti): partendo dai Senior altra doppietta per Otaman(Ucraina; 7’56”99 nel misto e 7’30”59 nel maschile) e guizzo di Sv Union Boeckingen-Neckardrachen(Germania; 8’52”75) tra le donne. Nei Master nel 50+ primo posto nel misto per gli ungheresi Dragon Aqua Se (8’40”87), per Shtorm (Russia; 7’42”91) nel maschile e per le padrone di casa dell’Università di Venezia (9’00″74). Nei Master 40+ festeggiano gli ucraini del Mala Flotylya (8’03”93) nel misto, tra le donne Sv Union Boeckingen-Neckardrachen (Germania; 8’56”86) – davanti all’Università di Venezia (8’57”23) –  e i soliti imprendibili ucraini di Otaman (7’49”12) tra gli uomini. Tra gli Junior uno-due delVulturi “A” nel misto (8’07”08) e tra gli uomini (8’02”01), nei Social 60+ maschili exploit della Canottieri Comunali Firenze (9’02”09). Infine tra le Donne in Rosa chiusura d’oro per le Pink Butterfly (10’15″02).

Foto: (credit Matteo Bertolin).

Riusciranno Bernard e Martin Dematteis a scrivere una nuova pagina di Storia della Montagna?
Arrampicata sportiva: Mondiali giovanili, l'azzurri Filip Schenk campione del mondo nel boulder Youth

Comments are closed.